Gioco d’azzardo e flipper in trionfo a Las Vegas

giochi-casino

Mentre in Italia si sta discutendo come non mai del gioco d’azzardo pubblico, delle ticket redemption “additate” senza ritegno come istigatrici “dei più piccoli” verso il mondo dei giochi con vincita in danaro dei grandi, in Eag a Londra, fiera che si è appena conclusa, il Signor Flipper ha riscosso un successo indescrivibile in quell’evento internazionale, esponendo quattro pezzi, anzi quattro esemplari che hanno “spopolato” ed attirato l’attenzione di tantissimi visitatori, portando la loro azienda produttrice, Stern Pinball, a fare il pieno di notorietà, qualora ne avesse bisogno, visti i risultati che questa Azienda è riuscita ad ottenere nel suo segmento. E questo è solo un evento dei due che si sono svolti quasi contemporaneamente a diverse latitudini del Globo. Quindi, i nuovi flipper The Beatles e The Munsters hanno conquistato la scena di Eag mentre a Las Vegas lo stesso “strumento di divertimento” ha appena concluso un tour di altissimo richiamo, interesse e di risonanza come il Ces.

Si continua, invece, a contrastare ed a denigrare i nostri italici prodotti, come i casino su internet che sono reperibili nella lista casino che puoi trovare in rete, di sano intrattenimento senza vincita in danaro quindi, e le relative industrie che tentano di continuare a produrli, mentre le aziende dello stesso segmento, ma di altri Paesi “fanno quattrini a palate” proprio con il flipper, gioco senza dubbio amato da grandi e piccoli di oggi come era amato ai tempi dei meno giovani (tra i quali ahimè c’è anche chi scrive queste righe, per chi ancora le legge). Non vi è dubbio che il flipper, infatti, abbia sempre riscosso un notevole successo e fatto entusiasmare la gioventù di un tempo con i tornei di quartiere: mentre anche ai tempi attuali è riesploso un certo interesse con campionati importanti e di interesse di pubblico, sperando che anche questo non finisca nel “mirino” del nostro attuale Esecutivo Giallo-Verde e che lo stesso non provveda a porlo in esilio!

Ma per tornare al flipper di Stern Pinball, che indubbiamente ricorderà questo inizio 2019 con assoluto interesse e piacere, si deve sottolineare che l’azienda è assolutamente soddisfatta del risultato ottenuto e, forse, quella di quest’anno è la sua migliore partecipazione alla Fiera di Las Vegas, considerando logicamente anche questi ottimi risultati ottenuti e dopo il riscontro di un intenso affollamento nello stand dove sono stati collocati i propri prodotti. Stern Pinball ha partecipato anche all’evento stampa Pepcom successivo all’evento di Ces Unveiled dove si è disquisito parecchio sul Flipper e sull’interesse e sulla motivazione che lo stesso suscita oggi nel pubblico.

Il flipper Beatles è stato un autentico protagonista: è riuscito a riportare i partecipanti nell’atmosfera della Beatlemania dei “lontanissimi” anni ‘60, catturando persino l’attenzione di personaggi della fotografia e del giornalismo avvezzi alle novità e non coinvolti come può esserlo il pubblico, ma in ogni caso trascinati in quell’atmosfera così particolare che ha fatto scaturire un’ampia rassegna stampa. Al punto che un fotografo di Usa Today è riuscito a catturare l’immagine di Jack Danger mentre suonava in uno degli eventi ed ha definito il gioco dei Beatles come “una delle cose più cool/tech” all’interno della manifestazione Ces, là dove certamente le novità non mancano mai e per questo è ancora più significativo il riscontro di pubblico su questo flipper Beatles.

Ma, forse “non soddisfatta del risultato ottenuto” Stern ha “rilanciato”, proponendo in anteprima assoluta il nuovo “nato”, il flipper The Munsters nella giornata di apertura del Ces. L’intervento di Stern è stato il massimo: quando i giochi a disposizione del pubblico non sono risultati sufficienti, la squadra aziendale ha pensato bene di vestirsi come i famigerati membri del cast della serie televisiva dei Munsters con Gary Stern nei panni di Nonno, Zach Sharpe nella bambola di Eddie Munster, Wolfu e Jack Danger nei panni di Herman Munster: più coinvolti di così. Certamente questo è uno spirito diverso da quello dei nostri dirigenti, che raramente partecipano in modo così coinvolgente ed attivo agli eventi che riguardano il loro segmento di gioco, forse perché oppressi dalle normative che limitano la propria filiera e non certo soddisfatti pienamente del mercato che comprende gli apparecchi senza vincita in danaro. Si può dire, senza paura di essere smentiti, che non è la gioia, la condivisione, la fiducia ed il successo che contornano l’italica industria del sano intrattenimento e di conseguenza l’entusiasmo che la pervade non è neppure da paragonare ai successi raccolti con la “flipper-mania” da Stern Pinball. E questo a torto od a ragione è un dato di fatto per i nostri imprenditori.

Tanto per dare delle cifre nude e crude si può dire che Ces 2019, a Las Vegas, ha mostrato oltre 4.500 espositori che si sono presentati con le proprie innovazioni tecnologiche: i partecipanti sono stati circa 180mila che si sono sguinzagliati in oltre 2,9 milioni di metri quadrati di spazio espositivo per un evento che è durato ben quattro giorni. Lo stand di Stern è stato preso d’assalto da fan dei flipper entusiasti delle novità ed è stato uno stand perennemente strapieno: forse, i visitatori speravano di avere la possibilità di provare uno dei nuovi giochi. Del risultato della Fiera di Londra si è già parlato forse anche troppo e per quello non si vuole aggiungere altro. Las Vegas è stato, di conseguenza, un ulteriore successo che la dice lunga sul fatto di quanto viene ricercato l’intrattenimento ed il divertimento in tutte le parti del Mondo a tutte le latitudini. In fondo si sa che l’essere umano ha dentro di sé la voglia di essere felice e di divertirsi: forse anche il nostro vice premier penta-stellato Luigi Di Maio. Ma avrà mai il coraggio di ammetterlo?